Carte di credito e criptovalute, ecco cosa ci aspetta

Una delle tendenze che stiamo vedendo da qualche tempo a questa parte è quella delle criptovalute. Oggi i Bitcoin, gli Ethereum o i Litecoin stanno cambiando la vita di tante persone, e continueranno a farlo.

Nel mondo delle carte di credito, le cripto stanno arrivando in maniera “prepotente” con tutta una serie di soluzioni pensate anche alla vita di tutti i giorni. E’ così che troviamo nomi come TenX, Satoshi Tango, Crypto Pay e Xapo, i brand più consolidati nella scena delle carte pre-pagate cripto fino ad ora.

Sebbene TenX non sia il primo giocatore sulla scena, è attualmente uno dei nomi più chiacchierati. Ha ottenuto circa 80 milioni di dollari nella ICO, ed il team con sede a Singapore ha avuto successo finora per molteplici ragioni. TenX ha avuto una brillante campagna di marketing. Brevi video promozionali hanno mostrato come si possa usare la carta TenX per comprare il caffè ed ordinare la pizza. E’ stata illustrata la facilità e la convenienza di usare la carta nella vita quotidiana, e non solo. La sede di TenX, Singapore, è più importante di quanto sembri: la città è un centro tecnologico e di startup, amico delle criptovalute.

TokenCard è un altro nome molto solido nella partita. La società, con sede nel Regno Unito, consentiva inizialmente di utilizzare token basati su Ethereum, ma da allora si è ampliata e ha aggiunto interessanti novità e sta cercando di sfruttare la tecnologia Ethereum per riuscire a portare un prodotto innovativo e rivoluzionario, del quale tuttavia non si sa ancora molto.

Un altro nome importante è Polybius, che ha ottenuto 31 milioni di dollari di finanziamenti in ICO. E’ l’unico nome nel suo genere il cui whitepaper non infastidisce il sistema bancario moderno, cosa che fanno invece molte cripto. “Polybius Bank”, afferma che offrirà tutte le funzioni di una banca moderna, senza avere però sedi fisiche. Questo permetterà di partire con tariffe più basse.

La tecnologia blockchain offre un mondo di possibilità, ma il sistema bancario moderno si è evoluto per un motivo. Polybius si pone come ponte tra le vecchie banche e le nuove cripto.

In tutto questo ci siamo noi, “comuni mortali” che cerchiamo soluzioni importanti per investire in criptovalute e che cerchiamo di capire se si tratta di un mondo con un certo futuro. Quello che possiamo vedere oggi è che anche il mondo reale si sta spostando verso il digitale delle cripto, l’incontro (se ci sarà) promette spettacolo.

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *