Cos’è una carta di credito

Le carte di credito non sono altro che uno strumento utilizzato per effettuare pagamenti. Di fatto si presentano come una tessera plastificata, dotata di una banda magnetica e/o di un chip che permettono di associare alla carta i dati del suo titolare e della banca o istituto di credito che l’ha emessa. Da quando è stato introdotto l’utilizzo del chip in affiancamento alla banda magnetica, la carta di credito è in grado di memorizzare più dati relativi al legittimo proprietario; grazie appunto a questa maggiore capacità di memoria, le carte possono potenzialmente essere utilizzate per accedere a più servizi oltre che al semplice pagamento. Per avere una carta di credito è necessario farne richiesta presso una banca o più in generale un ente finanziario presso cui si possiede un regolare conto corrente. Le modalità di utilizzo della carta, non per ultimo il fido ad essa associato, dipendono quindi fortemente da alcune caratteristica di affidabilità del richiedente stesso. In merito alla gestione del flusso di cassa legato ad un acquisto, la carta di credito consente di regolarne il pagamento successivamente al vero momento dell’acquisto, evitando l’uso di denaro contante.

Come funziona una carta di credito

La carta di credito funziona attraverso un processo di autorizzazione. Questa autorizzazione coinvolge tre diversi soggetti ad ogni singola transazione. Chi ha emesso la carta, che in generale è un ente finanziario (non necessariamente una banca) il quale ha stipulato un vero e proprio contratto con il titolare della carta stessa. Il contratto può essere considerato una sorta di contratto di finanziamento. Vi è poi l’esercizio, il negozio o altro, nel quale si sta effettuando il pagamento, il quale aderisce ad uno o più circuiti. In fine vi è, appunto, il circuito di pagamento che si occupa di gestire le richieste e le autorizzazioni di acquisto. Come saprete, i più importanti circuiti a livello mondiale sono, ad esempio, Visa, MasterCard, Diners e American Express. In Italia comunque sono di sicuro i primi due circuiti a fare indiscutibilmente da padrone.

Com’è fatta una carta di credito

Sulle carte di credito si trovano impresse generalmente nome e cognome del titolare, eventuale azienda di riferimento nel caso di carta di credito aziendale, il numero della carta stessa e la sua scadenza. Inoltre, nel fronte della carta vi sono anche il logo dell’isituto che l’ha emessa, il chip, un ologramma, il logo del circuito. Nel retro della carta si trovano invece la banda magnetica, una striscia dove il titolare della carta è tenuto ad apporre la propria firma, ed il codice di sicurezza, di cui spesso vengono richieste le ultime tre cifre.

Carte di Credito Prepagate: Visualizza Tutte

Carte di Credito Revolving: Visualizza Tutte